Privacy

Computer Crime

Reati informatici

Reati informatici s'intendono, generalmente, quelli commessi sulle nuove tecnologie (contro sistemi informatici o contro internet - cioè su beni informatici, come semplici computer o complessi server di rete - ovvero per mezzo delle medesime tecnologie, nel caso in cui gli illeciti, previsti da norme penali, realizzabili anche in altri ambiti, sono commessi tramite lo strumento di Internet. Tale distinzione presenta particolare rilievo, in quanto la materia trattata deve essere analizzata alla luce di tutte le prospettive, sia nel più ristretto ambito del sistema informatico privato od interno ad un'azienda sia nel caso di utilizzo del sistema informatico in Internet, per comunicare con l'esterno. Attraverso tale distinzione concettuale si può creare ordine in un sistema giuridico che trae le sue fonti da diversi sistemi legislativi, con norme contenute sia nel codice penale sia in leggi speciali; con ciò rendendo difficile ipotizzare un concetto unitario di bene giuridico informatico( ). Si pensi ai reati di danneggiamento del software o di frode informatica, quali reati contro il patrimonio, a quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni, che invece è reato contro l'amministrazione della giustizia o a quello di falso informatico che è reato contro la fede pubblica.

Gli strumenti normativi di base

Normativa

Breve Descrizione

Legge 23 dicembre 1993 n. 547

Modificazioni ed integrazioni alle norme del codice penale e del codice di procedura penale in tema di criminalità informatica

Articoli: 1

Legge n. 640, bis
(introdotto con l'art. 10 della legge 547/93)

Legge n. 640-ter

Frode Informatica

Legge n. 491-bis

Falso documento informatico

Articoli: 1 2 da Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Legge n. 420

Sabotaggio Telematico

Legge n. 635-bis

Danneggiamento di dati o programmi informatici

Articolo 1

Legge 615-ter

Tutela costituzionale (art.14 cost.)

Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico, Il problema della "permanenza" abusiva; - Il problema delle misure di sicurezza e della presunzione del divieto; - Il sistema informatico come estensione virtuale del domicilio individuale

Articoli: 1 2

Legge 617-quarter

cognizione, l’intercettazione, l’interruzione o l’impedimento illecito di comunicazioni informatiche o telematiche

Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso

Legge 617-quinquies

Intercettazione

Legge 438/01

Terrorismo Internazionale

D.Min. 31/3/98

File di Log

Legge 617-sixies

Falsificazione, l’alterazione o la soppressione di comunicazioni telematiche

ex art. 392 c.p

Danneggiamento fisico o alterazione del funzionamento di un sistema informatico. La legge 574/93 ha introdotto nell’art.392 CP, che punisce ogni forma di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose, il riferimento ai programmi informatici "allorché un programma informatico viene alterato, modificato o cancellato in tutto o in parte ovvero viene impedito o turbato il funzionamento di un sistema informatico o telematico"

art.420 c.p.

Impedimento o turbamento di un sistema informatico o telematico. c) Sistemi informatici o telematici

art.491 bis

Tutela penale contro il "falso informatico"

art.615 quinquies (Virus)

Diffusione di programmi diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico. L’art.615-quinquies CP punisce "chiunque diffonde, comunica o consegna un programma informatico da lui stesso o da altri redatto, avente per scopo o per effetto il danneggiamento di un sistema informatico o telematico, dei dati o dei programmi un esso contenuti o a esso pertinenti, ovvero l'interruzione, totale o parziale, o l'alterazione del suo funzionamento"

art.616

Violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza informatica.Viene ampliata la nozione di violazione di corrispondenza (art.616 del CP) in cui nel quarto comma viene introdotto che, "per "corrispondenza" si intende quella epistolare, telegrafica, telefonica, informatica o telematica ovvero effettuata con ogni altra forma di comunicazione a distanza".

art. 623 bis
(introdotto con l'art. 8 della legge 547/93)

tutela penale in tema di corrispondenza anche a quella informatica

Links

Studi Legali (on-line)

Libri/Book

  • Computer Crime di Marco Strano, €20, acquista su iBS Italia
  • IASELLI, Informatica giuridica, Edizioni Simone, Napoli, 2002.
  • TADDEI ELMI, Corso di Informatica giuridica, Edizioni Simone, Napoli, 2000.
  • G. Faggioli, Computer Crimes, Edizioni Simone, 1998;

Ultimo aggiornamento (Giovedì 30 Dicembre 2010 02:25)